it 081 239 46 45 rent@mavin.bike

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
Nome*
Cognome*
Birth Date*
Email*
Telefono*
Stato*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Already a member?

Login
081 239 46 45 rent@mavin.bike
it

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
Nome*
Cognome*
Birth Date*
Email*
Telefono*
Stato*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Already a member?

Login

Mavin Bike Travelling Giorno 17 [ da Hawea ad Haast ] – Issue 001

Come al solito non riesco a vedere l’alba perchè mi sveglio troppo tardi, sprecando la possibilità di vedere il lago Hawea di primo mattino.

Parto velocemente e inizia a mostrarsi il paesaggio della west coast. Piante “fern” ovunque, un bel caldo umido, foreste, fiori particolari, ponti sospesi e cascate su entrambi i lati della strada, con pietre enormi affascinanti. Sento degli strani rumori e sono già pronta a salutare epr sempre la mia bici, in realtà sono degli uccelli che emettono strani suoni…

Sorrido e proseguo con gioia verso l’Haast Pass: sono praticamente in mezzo la nulla più totale nel Mt. Aspiring National Park, famoso per la vetta del Titinea di 3033m e per le sue valli verdeggianti. Nonostante la strada sgombra da automobili, arrivo ad Haast in tardissima serata. E’ tutto chiuso e non c’è nessuna possibilità di alloggio. Sono costretta, e mi autoconvinco, a fare campeggio libero. Mentre mi allontano dal villaggio un ragazzo con la sua fidanzata mi ferma e mi chiede se ho bisogno di aiuto. In realtà si, vorrei una coperta! Lui è un neozelandese, lei è inglese e mi hanno aiutato tantissimo. Non solo mi hanno offerto il loro sacco a pelo caldissimo ma pure cibo, acqua, una tisana calda in una bella tazza. Mi indicano perfino un posto un po’ più appartato dove sistemare la tenda, lontano dalle abitazioni. Finalmente, così, provo l’esperienza del campeggio libero: la mia prima volta! Da sola, di notte in mezzo alla natura dall’altra parte del mondo senza nemmeno il cellulare con connessione funzionante…

Sensazioni? Ve le racconterò domani…

Mary

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.