it 081 239 46 45 rent@mavin.bike

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
Nome*
Cognome*
Birth Date*
Email*
Telefono*
Stato*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Already a member?

Login
081 239 46 45 rent@mavin.bike
it

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
Nome*
Cognome*
Birth Date*
Email*
Telefono*
Stato*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Already a member?

Login

Mavin Bike Travelling con Mary in Nuova Zelanda Giorno 14 [da Queenstown ad Arrowtown and back] – Issue 001

In ostello sono in una camerata con altri 3 uomini poco gentili con una povera ragazza come me che soffre il freddo e mi fanno dormire con l’aria condizionata a palla.
Dopo averli supplicati di spegnerla o almeno di alzare la temperatura di un po’ e non essere stata presa nemmeno lontanamente in considerazione, decido di andare a dormire sul divano nell’area comune. L’area condizionata mi distrugge il cervello. Potrei dormire anche in una stalla puzzolente ma… senza aria condizionata!
Mi sveglio con la schiena a pezzi e con il programma di girare lungo i 120km del Queenstown trail senza avere una meta ben precisa. Voglio essere solo libera di girare senza le pesanti borse che mi porto dietro e restare più o meno in zona.
Con un sonno addosso da fare schifo e bazzicando qua e là, arrivo ad Arrowtown: un paesino fondato in seguito alla scoperta dell’oro nell’Arrow River. Lungo i viali alberati ci sono tanti edifici risalenti a quell’epoca che ormai sono diventati negozi per turisti. Attraverso il fiumiciattolo e spuntano un pump track e uno skate park…
Per curiosità assaggio il famoso gelato neozelandese suggeritomi dall’amico milanese di ieri. Il nome è hokey pokey: vaniglia e caramello mou. Niente di che nonostante le grosse aspettative che avevo.
La sera arrivo in ostello e festeggio solo con un brindisi il capodanno con i ragazzi dell’ostello, senza particolare allegria visto che mi faranno dormire di nuovo al freddo…
Vado a letto non troppo tardi che domani mi aspetta una delle 8 meraviglie del mondo: i fiordi neozelandesi al primo giorno del 2018!
A domani,
Mary

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.